Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Al via i lavori per la nuova sede di DEMACLENKO


Accanto agli stabilimenti LEITNER ropeways e PRINOTH, hanno di fatto preso il via quest’oggi (15.10.2018) a Vipiteno, e non solo simbolicamente con la cerimonia della posa della prima pietra, i lavori di costruzione della nuova sede (stabilimento con annessi uffici) di DEMACLENKO. A partire da fine primavera 2019 a Vipiteno si progetteranno e produrranno dunque non solo funivie e battipista, ma anche gli impianti di innevamento programmato. La realizzazione del nuovo sito comporterà un investimento di 10 milioni di euro, mentre l’investimento complessivo del Gruppo LEITNER su tutto il polo produttivo di Campi di Sotto, sia quello già intrapreso nell’ultimo anno, come anche quello previsto per i prossimi anni, ammonta a circa 25 milioni di euro.

In via di ultimazione il primo lotto dei lavori di ampliamento della zona produttiva a Campi di Sotto, con la realizzazione della nuova strada d’accesso alla zona industriale e di una rotonda lungo la strada provinciale del Giovo, quest’oggi è stato dato inizio ai lavori per il secondo atto dell’opera, la costruzione del nuovo stabilimento con uffici. Alla presenza del Presidente della Provincia Arno Kompatscher e di una nutrita rappresentanza di autorità provinciali e locali oltreché di collaboratori del Gruppo, è andata in scena la cerimonia della posa della prima pietra del nuovo edificio DEMACLENKO.

Parole di ringraziamento all’indirizzo di Provincia e Comune sono state rivolte dal presidente del Gruppo LEITNER Anton Seeber, che ha voluto sottolineare come gli importanti investimenti fatti e quelli ancora in programma, riaffermano la centralità del sito di Vipiteno in seno al Gruppo, ricordando anche i recenti ampliamenti e le nuove costruzioni in Austria e Francia e quelli in programma in Slovacchia. Un investimento complessivo di circa 25 milioni di euro quello che il Gruppo LEITNER ha avviato e porterà avanti nell’ambito dell’ampliamento ed ammodernamento del polo industriale di Vipiteno: non solo l’insediamento di DEMACLENKO, ma anche gli importanti interventi sul fronte automazione dei processi produttivi negli stabilimenti produttivi di LEITNER e PRINOTH.

I numeri del progetto

Con lo spostamento della strada la superficie a disposizione del Gruppo LEITNER nella zona produttiva di Campi di Sotto cresce dagli attuali 90 mila metri quadrati a 104 mila metri quadrati. E proprio su parte della nuova superficie verrà ora realizzato, entro fine primavera 2019, il nuovo sito produttivo (3.630 m²) i nuovi uffici (1.340 m²) e uno spazio esterno coperto (450 m²) destinati a DEMACLENKO. In tal modo l’azienda che produce generatori di neve abbandonerà la sede di Chiusa e in parte quella di Selva Gardena, per concentrare la propria attività a ridosso degli attuali due stabilimenti LEITNER e PRINOTH già esistenti. Nuovi e moderni spazi di lavoro quindi per i collaboratori DEMACLENKO, destinati a crescere nei prossimi anni ancor più per raggiungere in Alto Adige quota 120.
 
L'identikit di DEMACLENKO
 
DEMACLENKO, dal 2011 parte del Gruppo LEITNER, è protagonista di un'incessante crescita in termini di personale e fatturato nel corso degli ultimi anni: nel 2011 il fatturato si attestava a quota 7 milioni di Euro, mentre il 2017 si è chiuso con 50 milioni di fatturato e oltre 2.000 generatori neve venduti. Tutto questo ha reso l'azienda un leader tecnologico e il secondo player mondiale di settore. Oltre ai tradizionali mercati alpini, DEMACLENKO si sta affermando anche sugli altri mercati a livello internazionale. I continui investimenti nel perfezionamento dei prodotti e dei servizi hanno reso il marchio ambasciatore di qualità e affidabilità. Un esempio è il generatore Ventus 4.0, disegnato da Pininfarina, un vero "gioiello" nel campo dell'innevamento sia per quanto riguarda la prestazione che per la sua estetica.