Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Stöten I Sälen - Le nuove ambizioni di uno storico comprensorio svedese


Negli ultimi anni il nostro team ha realizzato diverse opere nell’area scandinava, facendo così conoscere ancora di più anche nei paesi nordici i nostri sistemi di innevamento.

Una delle commesse più importanti di quest’anno è sicuramente il progetto che ruota intorno alla costruzione di un nuovo impianto di innevamento completamente automatizzato a Stöten I Sälen.

La località turistica di Stöten ha alle spalle una lunghissima tradizione e ormai da 40 anni il comprensorio sciistico non è più noto solo per il fascino delle sue montagne. Si era ancora negli anni ’70 quando un gruppo di pionieri degli sport invernali guidati da Bertil Lind e Torsten Widing decise di costruire il primo impianto di risalita per offrire agli ospiti un punto di vista nuovo sulle bellezze naturali del luogo. Fu quello l’inizio dell’odierno comprensorio sciistico, che ha ospitato anche numerose gare di Coppa del Mondo FIS. Qui, miti dello sport come Alberto Tomba e Ingemar Stenmark hanno festeggiato molte vittorie, portando a Stöten una rinnovata notorietà.

Perché questa storia di successo possa continuare anche negli anni a venire, i responsabili del comprensorio hanno deciso quest’anno di ammodernare l’impianto di innevamento, risalente alla fine degli anni ’90, e di ampliarlo con l’aggiunta di nuovi componenti. Con l’impiego combinato di generatori neve di ultima generazione, l’intento è di rendere l’innevamento tecnico non solo più potente, ma soprattutto più efficiente dal punto di vista energetico, in modo che il comprensorio sciistico possa sfruttarlo in maniera ottimale in tempi brevissimi. In tutto ciò Demaclenko ha visto non solo una sfida emozionante, ma anche l’opportunità di realizzare un progetto di riferimento per il mercato svedese: così dal project plan iniziale è stato sviluppato subito un progetto completo su misura per il cliente, che sarà completato in soli 90 giorni.

I lavori per la prossima stagione consistono nella realizzazione di una nuova stazione di pompaggio principale, dotata di quattro pompe principali e due pompe di mandata con una potenza complessiva di 2,7 MW e una pressione in uscita di circa 58 bar. Due nuove stazioni di sezionamento riforniranno di acqua sia le piste preesistenti sia quelle di nuova costruzione. Gli oltre 70 nuovi generatori di neve, che troveranno impiego prevalentemente sulle piste nuove, saranno integrati, così come l’intero impianto preesistente, nel sistema di ultimissima generazione Snowvisual 4.0, così da rendere possibile il controllo completamente automatizzato dell’impianto. L’alimentazione e la comunicazione tra le stazioni di pompaggio, i pozzetti e i generatori di neve sono garantite da circa 10 km di cavi e tubature, che saranno posati nelle prossime settimane nel sottosuolo roccioso. Grazie al consumo d’aria sensibilmente ridotto dei generatori di neve, il fabbisogno energetico dei compressori diminuisce di oltre la metà, determinando un notevole risparmio sui costi per l’innevamento del comprensorio sciistico.

Situato nei pressi di Sälen, in una zona votata agli sport invernali, Stöten è uno dei maggiori comprensori sciistici della Svezia centrale. La costruzione del nuovo impianto di innevamento è determinante per il futuro di Stöten nel suo complesso, perché senza certezza dell’innevamento non è solo il settore turistico a soffrirne, ma ne risentirebbe pesantemente l’intera catena del valore a livello locale.
 
 
 
Mirjam Cestari
 
Artikel weiterempfehlen