Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

EOS..benvenuti nella nuova era dell'innevamento.



Eos, dea greca dell´aurora, ha prestato il nome a questo ambizioso progetto del team Demaclenko, come segno di una nuova era nel settore dell´innevamento.

La stessa tecnica adottata per i nucleatori della nuova generazione del Titan viene applicata sulla nuova testa di Eos. Il consumo dell´aria è stato abbassato a 1,8 kW. I nuovi ugelli permettono di avere una resa massima con minore pressione. Un´ottimale combinazione tra produzione di neve ed efficienza energetica è la formula vincente di questa lancia per conquistare il mercato e convincere i nostri clienti. Eos è un prodotto reso possibile dalla ricerca quotidiana del nostro team di nuove soluzioni tecniche e appena la si vede colpisce il nuovo design della parte superiore, che riunisce in sè tutti gli sviluppi rivoluzionari di questo prodotto. 
L´alimentazione di aria compressa della nuova lancia si attesta tra i 195 l/m (1,8 kW), la produzione di neve in confronto al modello procedente VIS è rimasta più o meno la stessa con 52 m³/h. Si inizia a produrre neve con una temperatura bulbo umido di -1,5°.
La testa è più piccola e compatta per evitare la formazione di ghiaccio con pioggia e neve, in più dentro vi è un piccolo riscaldamento sviluppato specificatamente per quando si inizia a produrre neve. Con Eos e Titan 2.0 ci garantiamo un´ottima posizione sul mercato, ampliamo il nostro portafoglio clienti convincendoli con la nostra offerta.

Eos è passione pura, è il risultato concreto del nostro slancio continuo verso il nuovo e il tecnologico, verso le alte prestazioni e prodotti sostenibili, verso la ricerca di un design evoluto e senza compromessi, una vera rivoluzione pronta ad entrare in pista dal 2016. 
 
 
 
Mirjam Cestari
 
Artikel weiterempfehlen